Pagina:Tiberi - Nuova, e vera relazione del terribile, e spaventoso terremoto successo nella città della Matrice, Roma, 1639.djvu/2

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

[versione diplomatica]

RELATIONE.


SSI mouerà à lacrimare, ed à temere in vn’iſteſſo tempo ciaſcheduno, che leggerà la preſente Relatione; poſciache pare, che IDDIO, adirato degnamente contro i peccatori poco, ò nulla curanti le ſue diuine Inſtitutioni, dopo hauergli in vari modi ammoniti à riuederſi de gli enormi peccati, co i quali continuamente l’offendono, inaſpettatamente gli puniſca con tremendo, e rigoroſo caſtigo: onde ſi renda vano il loro pentimento, il riconoſcere i loro errori, ed il chieder miſericordia, non eſſendo più à tempo. I giudizi di DIO ſono occulti, & impenetrabili. Condanna i meriteuoli, e non ſenza cagione ſi muoue à vendicarſi del cattiuo contracambio, quale gli ſi rende per i benefici, che giornalmente ſi riceuono. Sono retti, e gouernati gli Elementi dal loro Creatore, e non ſenza cauſa hanno poteſtà di nuocere con le reuolutioni. Omnia inferiora à ʃuperioribus reguntur. Le coſe naturali hanno conneſsione con le oltranaturali, ma ſono ſottopoſte al reggimento del ſupremo Autore, quale inopinatamente sà farſi conoſcere per be-


[versione critica]

RELAZIONE.


SSI moverà a lacrimare, ed a temere in un’istesso tempo ciascheduno, che leggerà la presente Relazione; posciache pare, che IDDIO, adirato degnamente contro i peccatori poco, o nulla curanti le sue divine Instituzioni, dopo avergli in vari modi ammoniti a rivedersi de gli enormi peccati, co i quali continuamente l’offendono, inaspettatamente gli punisca con tremendo, e rigoroso castigo: onde si renda vano il loro pentimento, il riconoscere i loro errori, ed il chieder misericordia, non essendo più a tempo. I giudizi di DIO sono occulti, et impenetrabili. Condanna i meritevoli, e non senza cagione si muove a vendicarsi del cattivo contracambio, quale gli si rende per i benefici, che giornalmente si ricevono. Sono retti, e governati gli Elementi dal loro Creatore, e non senza causa hanno potestà di nuocere con le revoluzioni. Omnia inferiora a superioribus reguntur. Le cose naturali hanno connessione con le oltranaturali, ma sono sottoposte al reggimento del supremo Autore, quale inopinatamente sa farsi conoscere per be-