Pagina:Tigre Reale.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 137 —

— Hai provato a pensare il contrario, ad affermarti nell’idea che non avresti dovuto andare... nè per te, nè per lei?

Egli rispondeva come fosse fuori di sè.

— Provare? a che provare? Se è più forte di me, ti dico!... Si, le conosco tutte le vostre ragioni, le vostre convenzioni, i vostri doveri!... lo so, sono uno sciagurato!... ed eccomi qui come un dannato!

Rimase così qualche tempo, col viso fra le mani, poscia si scosse, udendo suonare la mezzanotte, e con accento risoluto:

— Addio! mi disse. Bisogna che vada. Lasciami andare.