Pagina:Tigre Reale.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search





V.




La Ferlita sarebbe stato sorpreso se alcuno avesse affermato che egli faceva la corte alla contessa. Se quello era fare la corte, era fare una corte molto magra. Avea cominciato dall’amarla, è vero, come un ragazzo, come uno studente, ma sin dalla prima visita ella gli aveva messo del ghiaccio sulla testa, e aveano riso francamente di quel ch’era stato di quella sciocchezza; non l’amava affatto, ne era ben certo, ma stava volentieri vicino a lei. Ella era tutt’altra donna di quella che avea creduto conoscere: una donna a quarti d’ora, tutta nervi e capricci, tra-