Pagina:Tigre Reale.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 77 —

cabile che faceva quasi paura su quel viso bianco e rigido. Infine cedendo ad un impulso irresistibile La Ferlita afferrò vivamente la mano di lei che dapprima rispose alla sua stretta con una pressione nervosa, bruciante di febbre sotto il guanto; poi si svincolò bruscamente, quasi con collera.

— Che avete, le domandò.

Ella rispose con voce sorda:

— Mi disprezzo!

In questa il legno si fermava. Nata discese, gli strinse la mano, senza guardarlo; sentendo la stretta di quella di lui, muta, disperata, supplichevole, gli piantò in viso quello stesso sguardo del palchetto, duro e freddo come l’acciaio, luccicante ai fanali della carrozza, e con accento breve e secco:

— Non vi amo, sapete — disse — no!

E lo inchiodò sul marciapiedi con quello sguardo, con quelle parole, allontanandosi senza dir altro.