Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo I, Classici italiani, 1822, I.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro secondo 225



Sue Opere. XVI. Le opere da lui scritte sono in primo luogo gli Annali ne’ quali le più ragguardevoli imprese de’ Romani e quelle singolarmente del suo Scipione egli descrisse. Non divise egli gli Annali in libri; ma questa divisione fu poscia fatta da un grammatico detto Q. Vargunteio. Soleva questi, come narra Svetonio (De Ill. Gramm. c. 2), in certi determinati giorni leggerli pubblicamente a numerosa assemblea che radunavasi a udirli. La qual costumanza pare che per più secoli ancora durasse; poichè abbiamo da Gellio (l. 18, c. 5) che a suo tempo era in Pozzuoli un cotale che nel pubblico teatro leggeva al popolo ad alta voce gli Annali di Ennio, e facevasi perciò chiamare Ennianista. Molte tragedie ancora, molte commedie e molti epigrammi e molte satire avea egli scritto, ed altre cose i cui titoli si possono vedere presso il Fabricio (Bibl. Latl. 4, c. 1). Sembra inoltre ch’ei fosse il primo che poemi, come sogliam dire, didascalici componesse in Roma; perciocchè tra’ titoli delle opere da lui composte una ne abbiamo intitolata Phagetica, in cui sembra che delle cose a mangiare ei favellasse; e due altri titoli, che sembrano di didascalico argomento, si rammentano dal Fabricio, cioè Protrepticus e Praecepta. Osserva per ultimo il Quadrio (t. 4, p. 49) che Ennio osò il primo di togliersi dagli argomenti greci che fin allora si eran presi da’ poeti latini a suggetto delle loro tragedie; e una ne scrisse di argomento preso dalla storia romana, intitolata Scipione. I frammenti che di lui ci sono rimasti, sono stati varie volte posti alla luce e singolarmente da