Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo I, Classici italiani, 1822, I.djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LIBRO TERRÒ 32! di que’ di Tiberio. Ci ha fatto egli stesso nell’ultima elegia del libro iv, delle sue poesie scritte in tempo del suo esilio e da lui perciò intitolate Malinconiche; ci ha fatto, dico, un sì esatto racconto della giovanile sua vita, che appena ci rimane a esaminare cosa alcuna. Io ne farò qui un breve compendio che non abbisogna di prove, perciocchè tratto dalla medesima elegia. Narra egli dunque di se medesimo: che era nato in Sulmona, città che ora appartiene all’Abbruzzo, l’anno stesso in cui morirono i due consoli li zio e Pausa, cioè l’anno di Roma 710; ch’era di antica equestre famiglia; che aveva un fratello maggior di un anno, insieme col quale mandato a Roma e posto sotto la direzione de’ più celebri precettori che allor ci vivessero, mentre il fratello un singolar genio mostrava per l’eloquenza , egli al contrario sentivasi unicamente allettare dalla poesia; che sgridato dal padre e ripreso, perchè abbracciasse uno studio per cui invano sperato avrebbe di arricchire, sforzavasi egli pure di applicarsi all’eloquenza; ma che mentre prendeva a scrivere in prosa, faceva, quasi suo malgrado, de’ versi; che finalmente in età di venti anni gli morì il fratello, ed egli cominciò ad entrare nelle cariche della Repubblica; ma che venutigli a noia cotali onori, abbandonò ogni cosa, e di altro più non curossi che della poesia. Annovera quindi i poeti da lui conosciuti e trattati, le diverse poesie che ne’ primi anni compose, le tre mogli che una dopo l’altra egli ebbe, la figlia che dalla terza gli nacque, e i nipoti che questa gli diede, la morte Tiraboschi, Voi. I. 21