Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo I, Classici italiani, 1822, I.djvu/429

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


38o PARTE TERZA meritevole essa pure di aver luogo nella storia letteraria (li Roma insiem con altre illustri matrone che già abbiam rammentate, e poscia ancora rammenteremo. X. Alle vicende a cui fu soggetta la gloria di Ortensio, non fu già ella soggetta la gloria di Cicerone di cui ora entriamo a parlare. Al primo suo comparire nel Foro comparve grande oratore. La fama che le prime cause da lui trattate gli conciliarono, gli fu sempre accresciuta da quelle che venner dopo. E la sua morte, e tutto il lungo corso de’ secoli che dopo essa è trascorso , ci ha ben potuto rapire alcune delle sue orazioni, ma non gli ha mai potuto togliere il primo luogo tra gli oratori; e finchè durerà il buon gusto in alcuna parte del mondo, Cicerone vi sarà letto, ammirato, e, quanto è possibile, imitato. Niuno si aspetta , io credo, che io prenda qui a tessere il racconto della sua vita (a). Troppo essa (a) A intender meglio le cose che qui e altrove raccontiamo di Cicerone, ecco una breve notizia delle principali epoche della sua Vita , secondo il Middleton. Nato in Arpino l’anno di Roma 647 da Marco e da Elvia di lui moglie, e istruito ne’ boni studi, cominciò verso l’età di ventisei anni a trattar le cause nel Foro. Viaggiò poscia in Grecia, e tornatone fu nominato questore l’anno 678, e con tal titolo stette l’anno seguente in Sicilia. Fu eletto edile l’anno 683, fu pretore nel 687, e console nel 690 , nel quale anno scoprì e sciolse la congiura di Catilina. Ma questa stessa congiura , e l’odio in cui per essa egli cadde presso i congiurati rimasti vivi e presso i loro fautori, gli fu poscia cagion dell’esilio da Roma, che dovette sostenere cinque anni appresso. Richiamatone l’anno seguente,