Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo I, Classici italiani, 1822, I.djvu/432

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LIBRO TERZO 383 giovane, come era allor Cicerone, in età di soli ventotto anni, che viaggia, per così dire, circondato sempre da filosofi e da oratori, che con essi soli conversa, che innanzi ad essi si esercita, che da essi si ode volentieri ammonire de’ suoi difetti, e che non curasi di veder altro fuorchè uomini dotti, egli è un modello quanto più raro ad esser imitato, tanto più degno di ammirazione. E ammirati di fatto ne rimasero i Greci, tra i quali è celebre il detto di Molone che udito declamare il giovane Tullio, con gran dolore predisse che da lui sarebbesi tolto alla Grecia l’unico ornamento che omai rimanevale, l’arti e l’eloquenza (Plutarch. Vit. Cicer.)- Intorno a’ viaggi di Cicerone una bella dissertazione abbiamo di Gian-Giorgio Walchio stampata ne’ suoi Parerghi Accademici in Lipsia l’anno 1721 , e intitolata: Diatriba de amaenitatibus historicis ex Ciceronis peregrinatione collectis. Nè questo indefesso studio fu della sola età giovanile. Uom già maturo e avvolto ne’ più gravi affari della Repubblica, qualunque ora ei potesse trovare di riposo e di ozio, era consecrata agli studi. Subcisiva, dice egli stesso (l. 1 de Legib. n. 3) quaedam tempora incurrunt, quae ego perire non patior; ut si qui dies ad rusticandum dati sunt, ad eorum numerum accommodentur, quae scribimus. Quando avremo a parlare delle biblioteche di Roma, vedremo quanto gli fosse cara la sua. Ma senza ciò, le tante e sì varie e sì eleganti opere che di lui abbiamo, oltre tante altre in numero forse ancora maggiore, che son perite, ci fanno conoscere qual egli avesse