Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo II, Classici italiani, 1823, II.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

primo 175

che udito avea Asinio Pollione, e quando era nel fior dell’età, e quando era già vecchio. Or Asinio Pollione morì, secondo la Cronaca Eusebiana, nove anni prima d’Augusto in età di 70 anni, e perciò è probabile che Seneca venisse a Roma circa treni’ anni innanzi (*). (*) L’ah. Lamp’llas giustamente riflette (t. i,p. -8, ec.) che se Seneca il retore v enne a Roma trcn-lanove anni innanzi alla morte di Augusto, come io qm ho affermato, e se più non ne fece partenza, non si può facilmente spiégare come gli nascessero in Cordova i figli Lucio.Seneca il lìlosofo, Novato e Vela, che nacquero in Cordova molti anni dopo quell’epoca. Decsi dunque correggere questo passo dilla min Storia. « E a conciliare 1" epoche della vita di Seneca il retare si può supporre ch’egli nascesse circa do anni prima dell’era cristiana; che venutp a Roma dopo il triumvirato vi stesse più anni; che tornasse in Ispagna circa dieci anni prima dell’era cristiana, quando Pulitone, morto circa il sesto anno dell’era stessa, era giù vecchio, e quando Augusto contava circa trenlacinque anni d" impero , poiché la detta era comincia all’anno xlv di esso, e quando perciò poteva Seneca il retore avere uditi gli altri retori di quell’età. e che poscia venisse nuovamente a Roma insieme co’ figli natigli in Cordova poco prima della morte di Augusto, e vivesse roi fino a’ tempi del favor di Seiano , e morisse circa anno ventesimo dell’era cristiana e il settimo di Tiberio ». E certo dunque che Seneca il retore si dovrebbe a ragione annoverare tra gli scrittori del secolo d’Augusto; e ch’egli è stato gittalo tra que’ del secolo ih Ciborio , solo perchè seppe vivere fino all’estrema vecchiezza il che pur dei si dire di alcuni altri dei relnri qui da ine nominati. Ciò nulla monta al mio disegno; anzi conferma ciò che nel primo Torno io ho stawhlo, e prnva’o lungamente; cioè che l’eloquenza di-c uide fin da’ tempi d Xugusto, benché 1" ab. Lanipillas abbia immaginato eh’io abbia usato di ogni arte