Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo III, Classici italiani, 1823, III.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

x

se S. Gregorio proscrivesse la matematica, e si mostra che ciò dee intendersi solo dell’astrologia giudiciaria. VII. Si cerca se egli facesse incendiare la biblioteca Palatina, e si mostra che non basta a provarlo l’autorità del Sarisberiense. VIII. Pruove della credulità e mancanza di critica di questo scrittore. IX. Nè alcun motivo poteva determinare S. Gregorio a tale risoluzione. X. Si mostra ch’ei non fece gittare alle fiamme neppure le Opere di Cicerone e di Livio. XI. Si pruova falsa l’accusa ch’ei vietasse l’amena letteratura: spiegazione di un suo passo. XII. Nuovi argomenti a provarne la falsità. XIII. Si mostra che S. Gregorio non sostituì i suoi Morali a’ libri profani. XIV. E che è falso pure che facesse atterrare gli antichi monumenti. XV. Testimonianza del Bayle in difesa di S. Gregorio. XVI. Notizie di due amici di S. Gregorio, cioè dell’abate Claudio. XVII. E di S. Paterio. X V111. Altri pontefici di questa età rinomati per sapere. XIX. Notizie di Mauro e di Felice arcivescovi di Ravenna. XX. E di altri di questi tempi. XXI. S. Damiano vescovo di Pavia, SS. Mansueto e Natale arcivescovi di Milano. XXII. S. Colombano e Giona abati del monastero di Bobbio. XXIII. Fausto monaco di Monte Cassino. XXIV. Anastasio Bibliotecario il vecchio sembra autor supposto. XXV. Notizie del monaco Ambrogio Autperto.


CAPO III.

Pag. 196

Belle lettere.


I. Stato infelice dell’amena letteratura, e origine di esso. II. Lo studio però della lingua greca non fu interamente dimenticato. III. Venanzio Fortunato è quasi il solo poeta di questa età: sua patria, suoi studj. IV. Altre epoche della sua vita: sue opere. V. Notizie di Givannicio da Ravenna lodato anche come poeta. VI. Felice gramatico in Pavia onorato dal re Cuniberto. VII. La storia fu quasi affatto trascurata. Tjraboschi, Vx>1. III. ti