Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo III, Classici italiani, 1823, III.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIV

volizioni attribuitegli. VII. Astronomia coltivata in Italia. VIII. La medicina non ebbe uomini illustri: essa fu coltivata anche da’ monaci.


CAPO V.

Pag. 384

Giurisprudenza

I. Questo argomento è stato già illustrato da altri. II. Le diverse nazioni che abitavan l’Italia, professavano diverse leggi. III. Eccezioni da questa regola generale. IV. Altre leggi pubblicate da’ re Franchi. V. Come si schivasse la confusione nata da tante leggi. VI. Ragione della brevità di questo capo.


CAPO VI.

Pag. 389

Arti liberali

I. Si siegue a provare che le arti liberali non mancarono mai in Italia. II. Pitture, musaici e sculture fatte per ordin de’ papi. III. Altri somiglianti lavori in altre parti d’Italia.


LIBRO QUARTO

Pag. 393

Storia della Letteratura Italiana dalla morte

di Ottone III fino alla pace di Costanza

CAPO I.

Pag. 394

Idea generale dello stato civile e letterario d'Italia in quest'epoca

I. Arduino eletto re d’Italia, e poscia spogliato del regno da Arrigo Primo imperatore. II. Regno di Corrado il Salico e di Arrigo Secondo. III. Stato infelice dell’Italia nelle discordie tra’ ’l sacerdozio e l’impero a’ tempi di Arrigo III. IV. Continuano le calamità e le guerre civili sotto Arrigo Quarto. V. Nel tempo stesso i Normanni invadono e occupano i regni di Napoli e di Sicilia. VI. Regno di Lottario III, di Corrado Secondo e di Federigo Primo: pace di Costanza. VII. Stato infelice dell’Italia