Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VI, parte 1, Classici italiani, 1824, VII.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


PRIMO 345 por vero, converrà dire el11 ci dividesse il tempo fra que’ due impieghi. Io ho esposto fin ora ciò che mi sembra più verisimile intorno a questa sì oscura quistione. Che se altri con monumenti più certi si farà a sostenere qualche altra opinione, ben volentieri mi arrenderò, e compiacerommi di esser giunto cogli altrui lumi a scoprire il vero. Or vegniamo a Cristoforo (). (67) Quando io scrivea questa dissertazione sulla patria del Colombo, non avea, nè poteva aver veduti gli Annali di Genova del Casori stampati nel 170(1, de’ quali non abbiamo qui copia. Il ch. sig. ab. Gaspare Luigi Oderigo, celebre per le belle sue opere sulle antiche medaglie, si è degnato di trasmettermi il passo in cui a pag. 27 e seguenti ei ne ragiona, c compì uova sempre più l’opinione de’' Genovesi. Egli avverte dapprima , che era antichissima in Genova una famiglia de’ Colombi, detta anche , secondo lui, de’ Colom; quindi osserva che da pubbliche scritture raccogliesi che gli ascendenti di Cristoforo abitavano in Terra rossa poco distante da Nervi; che Giovanni da Quinto fu l’avolo di Cristoforo, Domenico il padre, la madre Susanna Fontanarossa da Saulo presso Nervi; che Cristoforo fu il primo lor figlio, dietro cui vennero Bartolommeo e Giacomo, e Susanna , maritata poi in Giacopo Bavarella; che Domenico, oltre le possessioni che avea in Quinto, avea acquistate due case in Genova, ove abitava nella parrocchia di S. Stefano, ed esercitava l’arte della lana, facendo tesser del suo,- la qual professione in Genova non recava alcun pregiudizio alla nobiltà della nascita. Lo stesso Casoni però confessa la povertà del Colombo, e afferma che i due fratelli aveano da Lisbona mandate parecchie somme di denaro al vecchio lor padre; e che Cristoforo, quando venne in Italia a proporre i suoi disi gni alla repubblica nel 14S'. passò a Savona, ove allora abitava il padre gin scttuagen 1rio, ed aiutollo a tornare a Genova, ove ancor vi\ea