Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VI, parte 3, Classici italiani, 1824, IX.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO *469 lingua e per fornirsi di libri (111), Giovanni Aiìrispa fu siciliano, e nacque in Noto nel 1369, un anno innanzi a Guarino; poichè vedremo che morì pure di novantanni nel 1459. Il co. Mazzucchelli, che assai diligentemente ha trattato di questo gramatico (Scritt. ital. t 1, p. 1277), afferma sull" autorità di Rocco Pirro, ch’ egli ebbe dapprima nella chiesa della sua patria la dignità di cantore; ma le parole del Pirro a me sembran anzi distruggere che stabilire questa opinione; la quale però non è di tale importanza, che si debba qui disputarne (a). Ove passasse i primi anni di sua gioventù, e ove facesse i suoi studj, non v’ha chi ce ne abbia lasciata memoria. Solo è certo ch’ ei passò a Costantinopoli, e più anni vi si trattenne, per apprendervi la lingua greca, e per raccogliervi molti codici; il che quanto felicemente da lui si facesse, abbiamo altrove veduto. Quanto e in quali anni ei soggiornasse in Grecia, non si può accertare. Ma ben possiamo indicare quando ei ne tornasse, colla scorta di una lettera di Francesco Filelfo, ch’ era al medesimo tempo in Costantinopoli (l. 2, ep. 5)'. In essa il Filelfo parla di due libri che lasciati avea al(*) Giovanili Aurispa prima di viaggiare in Grecia Iti professore di Umanità in Savona nel i4'5, come raccogliesi dal decreto su ciò fatto dagli Anziani di quella città indicatomi dall1 altre volte lodalo signor Giantoinmaso Belloro. (a) L’Aurispa fu veramente cantore o precettore non in Noto, ma in Siracusa, la qual dignità però era sostenuta dalle rendite di alcune parrocchie di Noto, ed ebbe poscia più altri beneficii ecclesiastici (Marini, degli Archiatri ponti/, l. *, p. 143)•