Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VI, parte 3, Classici italiani, 1824, IX.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LIBRO munente più bello per l’eleganza dello stile al pari che per la sceltezza delle notizie non si '1 ato da più anni addietro; rimirar Vittorino come il più saggio e il più amabile fra tutti i professori di questo secolo. Io ne farò qui un brevissimo compendio, aggiungendo ancor qualche cosa tratta da altri scrittori di quel tempo. Egli ebbe a sua patria Feltre, da cui prese il cognome; ed ivi nacque circa il 1379 da Bruto de’ Rambaldoni e da una certa Monda, e fu di famiglia onorata, ma povera per tal modo, che spesso mancava ancor delle cose più necessarie. Inviato a Padova per gli studj, nella grammatica, nella dialettica, nella filosofia fece i più lieti progressi. Abbiamo altrove narrato ciò che gli avvenne con Biagio Pelacani, ch era ivi professore di matematica, e abbiam veduto che Vittorino ributtato dall’avarizia di quell’uomo per altro assai dotto, da se medesimo coltivò quella scienza, fino a destarne invidia e stupore nel Pelacani. Tornato frattanto dalla Grecia Guarin da Verona, Vittorino da lui apprese la lingua greca, e a lui si strinse per modo, che ed egli ebbelo sempre in conto di padre, e Guarino mandò poscia Gregorio uno de’ suoi figliuoli alla scuola di Vittorino. Così rendutosi presto famoso in Prenddacqua; perciocché egli gli dì» per padre Bruto Uomagno, non de’ Rambaldoni, e per madre una Lucia. Ma a me sembra che l’autorità del Prenddacqua sia da preferirsi a quella del Platina, perciocché il secondo non era stato, coinè il primo, scolaro di Vittorino. non può a meno di non