Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VI, parte 3, Classici italiani, 1824, IX.djvu/420

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1634 unno ganti epitaffi ili onor di esso, clic si rapportano dal march Maffei. Ma se egli ebbe nimici, ebbe ancor non pochi ammiratori del suo sapere; e Lucio Fosforo vescovo di Segni tra' gli altri, scrivendo ad Alessandro Cortese (ib. cp. io), 11011 teme di affermare che i soli tre scrittori veramente eleganti di quell’età erano Lorenzo Valla, il Calderini e il Poliziano. Nel che però è certo che il Fosforo ha esagerato alquanto; poichè le opere del Calderini son ben lungi da quella eleganza che allora ad alcuni altri scrittori cominciava ad essere famigliare. Ma a qualche scusa de’ difetti non men dello stile, che degli altri errori ne’ quali il Calderini possa esser caduto, convien valersi dell’opportuna riflessione del sopraddetto Antiquario, che di lui dice: mors illum immatnra praeripuit emendaturum fortasse si quid inconsideratius exciderat. E similmente Giglio Gregorio Giraldi, parlando di alcuni versi da Domizio composti, afferma (De Poet. suor. temp. dial. 1) ch essi ci scuoprono il raro ingegno di cui egli era dotato, e che, benchè molti ne invidiasser la gloria, avrebbe nondimeno, se fosse vissuto più lungamente, recati segnalati vantaggi alle lettere. LXII. Nè solo le popolose città, ma i villaggi ancora vedeansi talvolta onorati da qualche celebre professore che ivi apriva pubblica scuola (*). (*) A provare sempre più chiaramente che anche i villaggi aveano di questi tempi i suoi maestri di grammatica, mi ha il ch. sig. barone Vera a zza additato un certo Gabriel Carlo maestro in Govone villaggio presso Alba, a cui scrive una lettera quell Antonio Calderai!