Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 1, Classici italiani, 1824, X.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


PRIMO |3y I jo'i «le’ poeti presenti, ma degli antichi ancora, Ial principio del dialogo stesso fa ancora uu i giusto elogio de' due fratelli di esso, cioè di Lodovico, di cui ora diremo, e di Alessandro fhe daini ivi è introdotto a ragionare, e lodato come uomo nella milizia non meno che nelle lettere illustre. Ercole fu onorato della porpora (da Leon X nel 1517. Ma dieci anni appresso, dopo forribil sacco di Roma, mentre stavasi insieme col papa racchiuso in Castel S. Angelo, in età ancor fresca finì di vivere. Qual fosse il dolore che sentì il Giraldi per tal morte, e quali speranze da essa venisser troncate, udiamolo dallo stesso Giraldi che così sfoga il suo rammarico scrivendo ad Antonio Tebaldeo: Unus praeterea serae solatia vitae Restabat Rhango, Rhango clarissimus inter Purpureos patres juvenis, sanctumque senatum, Quem mihi jam pridem puerum mandarat alendum Mater; tunc juvenem senior comes usque sequebar. Me jubet ille bono esse animo, citoque affore tempus, Quo laeteris, ait, mutataque fata videbis. His me necquicquam dictis solabar amicis, Nescius ah! juvenem quam tristia fata manerent. Ecce autem ardentes torret cum.Sirius agros Coecis coeca urit sensim praecordia febris Ignibus, interiusque ardens depascitur artus. Occidis in media Rhango surrepte juventa, Occidis o patrum magnum pater incrementum. O vanas hominum spes! o hominum irrita vota! Ocia qui modo spondebas, melioraque vitae Tempora, nunc lacrymas tantum et suspiria linquis, Rhango, mihi, et serae tantum dispendia vitae. Aeternum vero salve mihi, maxime Rhango, Aeternumque vale: probibet sors plura datnnim. Op. t. 2, p. 917, cd. Lugd. Balav. 169(1. Nè fu solo il Giraldi a lodar per tal modo il