Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 3, Classici italiani, 1824, XII.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO *401 innanzi alla Storia di cui ora diremo. Ebbe in sua moglie Paola Caleagnini, e i'u encomiato da’ più dotti uomini di quel tempo, molti de’ quali nel decreto medesimo egli è nominato cavaliere e conte, e gli concede ancora il passo di Navicello sul Panaro nel Modenese. Ecco con quali onorevoli espressioni si ragiona ivi del Falletti: Quoti e s Illustrissimi et Excellentissimus Princeps et Dux Dominus Alphonsus II Est unsi s Ferrariae et Mutinae, ec. Dux quintus.... mente sua revolvit, quantum m agni file us et p rat'eia ri ssimus Jurisconsultus Dominus Hieronymus Falettus Orator pro ejus Excellentia penes Serenissimum Dominum Venetorum de Illustrissima Domo Estensi, et ejus Excellentia optime meritus sit, ob ejus singulares virtutes, fidem praecipuam, et labores immenso s f quibus in benefici uni ipsius Illustrissimae Domus et ejus Celsitudinis insudavit, potissimum in his Legationibus, quas apud Pontificem Maximum, et Caesaream Majestatem, aliosque Reges et Principes in ardui s sane rebus feliciter admodum, et magna sui cum laude obivit, totis ipsum ejusque filios, et qui nascentur ab illis, jure suo quodammodo id exigente, continuis favoribus et amplexu suo ac liberalitate J'ovendos esse decernit. Et cupiens erga eum se beneficum exhibere, et omnibus testatissimum facere, qua benes’olentia, quae quidem non vulgaris est, e uni prò mentis tuis prosequa tur, statuii rum injrascripto gratioso feudali munere ad ejus exaltationem et utilitatem decorare, ec. Ciò che in questo decreto è più degno d’osservazione, e che fa meglio conoscere l’amor per le lettere del duca Alfonso II, si è il canone di nuovo genere che ogni anno gl’impone, cioè la donazione di due libri: Pro recognitione vero dictarum rerum sic ut supra infeudataram praedictus Feudatarius.... prom:sit prae• dicto Illustrissimo Duci praesenti et stipulanti ei.lcrn annis singulis una vel iterata vice dare, praesentare, et tradere duos libros, qui sint jucundae et delectabilis lectionis pro captu animi ejus Excellentiae, in hoc Tirabcschi, Voi XII. 16