Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 3, Classici italiani, 1824, XII.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I/jo8 LIBRO cui il Pigna giungeva: A tuis istit vehementissimis studiis ut te temperes, ut naturae tua e, quae non firmior quain v'ules tibi data, est, libi mi tius consulas, ne de media nocte per hyemem lecto ad libros exurgas; ne per summos aestus totum diem in libris inhaereas, ne propterea a cibo abstineas, aut a cibo ipso ad ea acer accurras, atque ita stomachum ad concoquendum adjuves, ne eam horam, qua J'acis publice y ne postea tres domi doceas, quae menses vel in singulos tibi auferunt de vita. E continua pregandolo caldamente ad aver cura della sua sanità; rammenta la laurea da lui avuta, come si è detto, in età di 20’anni, e la cattedra che tosto gli fu affidata di greca e di latina eloquenza, la quale già da due anni egli occupava: l ìgesimo aetatis tuae anno ab amplissimo Philosophorum Collegio dignus es judicatus, quem in suum numerum referrent, publicoque virtù tis insigni, quem Doctoratum appellant, cohonestarent. Duos annos jam publice profiteris optimos Auctores Graecos et Latinos, atque ita ut ni hi l aiulitori relinqnatur, quod a te in tuis interpretationibus desideretur. Se dunque il Pigna prima di giungnere a’ ventitré anni, già da due anni era professore, ei cominciò ad esserlo nelfetà di venti, e perciò nel 1550, non nel 1552, come a (Terni a il Borsetti (Hist. Gymn. Ferr. t. 2, p. 176). Passa indi il Ricci a lodare e i versi e le prose del Pigna; e conchiude ripetendo le più calde preghiere perchè interrompa lo studio col villeggiare, col pescare, coll andare a caccia, e con altri somiglianti sollievi. Dopo la morte del fratello,