Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VIII, parte 1, Classici italiani, 1824, XIV.djvu/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


4^8 libro pei sostenere la peripatetica generazione della putredine, scrisse egli pure contro il Malpighi. Ma questi, benchè sia egli pure caduto talvolta in errori, scoperti poscia e confutati da’ più recenti anatomici, e benchè alcune delle sue opere non corrispondano al nome da lui ottenuto, è tuttora considerato come uno de’ più benemeriti rischiaratori di questa scienza; e le opere contro di lui scritte han recato maggior onore al Malpighi stesso, che agli autori di esse suoi avversarii. Quindi io conchiuderò ciò che ho detto finora di questo illustre anatomico, colle parole del sopraccitato M. Portal, il quale, dopo aver fatto un lungo e diligente estratto delle opere di esso, Ecco, dice, l’estratto delle opere di uno de’ più grandi anatomici che ci offra la storia. Io non do che una debole idea delle sue fatiche. Tocca agl intendenti dell arte il consultarle. Il Malpighi prese la natura per suo modello, e ne fu il vero pittore. Que’ che vorranno studiarlo , non potranno seguire guida migliore (l. cit. t. 3 , p. 151). XV. Al Malpighi succede Lorenzo Bellini, nome parimente famoso all’anatomia e nella medicina. Ammiratore insieme ed emulo del primo , egli scrisse su alcuni degli argomenti medesimi che quegli o avea già rischiarati, o stava allora illustrando; e se nelle scoperte anatomiche ei non giunse ad uguagliarne la fama, lo superò nell’adattarle alla medicina, la quale fu da lui condotta a una perfezione molto maggiore di quella che aveanle proccurata le opere dei medici precedenti, singolarmente