Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VIII, parte 2, Classici italiani, 1824, XV.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO 74O Minato bergamasco, poeta della corte imperiale di Vienna (a), Giacomo Castoreo veneziano, Francesco Sbarra lucchese, Aurelio Aureli veneziano, il conte Francesco Berni ferrarese, una farsa drammatica del Notturno, stampata nel 1518 (Vicende della Coltura nelle Sicil. t. 3, p. 376). Ma, come si è ivi osservato, e come ha provato il sig. Ginnikalista dalP Olio nella lettera ivi indicata, non si può nè quella, nè alcun7 a] tr’aria di quel secolo annoverare tra quelle che or diconsi arie drammatiche. Ad assicurare nondimeno meglio il Cicognini la gloria di esserne stato il primo inventore, converrebbe esaminare attentamente la musica di altre azioni drammatiche circa quel tempo pubblicate, in cui veggonsi alcune che per riguardo alla poesia debbon certamente dirsi arie. (a) 11 teatro di Vienna fu il primo , a mio parere, fuori d3 Italia , in cui s’introducesse il dramma per musica; e io credo che la prima idea ne portasse seco da Mantova l’arciduca Leopoldo figlio dell’imperador Ferdinando II, il quale l’anno 1626 venuto a Mantova, vi vide rappresentare per musica nell3 Accademia degl" Invaghiti V Europa di Baldovino di Monte Simoncelli. I primi poeti cesarei veggonsi alla corte dell" imperador Leopoldo di lui nipote; ed essi furono Niccoli’ » Minato bergamasco e Francesco Sbarra lucchese (Quadrio , t. 5, p. 462, 4^8 7 4^9)- Fu anche alla corte medesima col titolo di poeta cesareo, benchè non sappiamo che scrivesse drammi per musica, Giovanni Pierelli da Trasilico nella Garfagnana, il quale era anche segretario del celebre principe Raimondo Montecuccoli. Una memoria di mano del Vallisnieri conservasi presso il ch. sig. Vincenzo Malacarne, in cui curiose notizie contengonsi intorno all3 incostante e capriccioso carattere del Pierclli, che era tanto amalo dall3 imperador Leopoldo, che questi fu veduto stare con lui alla finestra per ben mezz3 ora tenendogli il braccio al collo. Ma il Pierelli invaghitosi di una Olandese, lasciò la corte, e, dopo varie vicende , morì assai povero nella sua patria.