Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

113

DELLA IMITAZIONE

DI CRISTO

LIBRO III.

DELL’INTERNA CONSOLAZIONE.


CAPO I.


Dell’interno parlare di Cristo all’anima fedele.


1. Io starò ad ascoltare quello che parli il Signore Iddio dentro di me. Beata l’anima, che al Signore che dentro le parla, porge l’udito; e parole di consolazione sente dalla sua bocca. Beate le orecchie, che ricevono il lieve sibilo del divin fiato, ed a’ frastuoni di questo mondo non danno mente. Beatissime orecchie! che non già una voce, che suoni di fuora, ma sì la Verità ascoltano, che le ammaestra di dentro. Beati gli occhi! che alle cose esteriori serrati, alle interiori stan pure intenti. Beati