Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 libro iii.

coloro! che dentro si chiudono nel lor segreto, e per quotidiano esercizio più e più s’ingegnano di disporsi a comprendere gli arcani celesti. Beati que’ che sospirano d’attendere a Dio, ed ogni impedimento del secolo si gittan dattorno! Bada bene a queste cose, o anima mia, e chiudi gli usci de’ tuoi sentimenti; acciocchè tu possa sentire quello, che il Signore Iddio tuo parli dentro di te.

2. Quest’è che ti dice l’amato tuo: Io son tua salute, io tua pace, e tua vita. tienti vicina a me, e troverai pace. lascia andare tutte le cose passeggere, e cerca le eterne. Che altro son elle tutte le cose temporali, se non lacciuoli? E qual pro ti faranno tutte le creature, se tu sii abbandonata dal creatore? Adunque rigettate tutte le cose, fa di renderti gradita e fedele al tuo creatore, affinchè tu possa conseguire la vera beatitudine.