Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo xxvii. 185

del cuore. La qual cosa tu non dei voler intendere de’ danari, e delle ricchezze, ma e dell’ambir onori, e dell’agognar vana lode, le quali cose insieme col mondo tutte passano via. Picciola sicurezza dà il luogo, ove non sia lo spirito di fervore: nè lungamente durerà pace procacciata da fuori, se il vero fondamento le manchi della fermezza del cuore: cioè se tu non fermi te stesso in me. Tu potresti ben trasmutarti di luogo, ma non migliorarne. Imperciocchè datasi innanzi l’opportunità, e tu presala, t’abbatterai in ciò che hai fuggito, ed in peggio.


ORAZIONE

per la purgazione del cuore, e per la celeste sapienza.


4. Confermami, o Dio, per la grazia del Santo Spirito. Dammi virtù, ch’io sia corroborato dell’uomo interiore, e che d’ogni superflua sollecitudine e angustia sgombri il mio cuore: nè sia tirato da vari desideri di checchessia, o vile, o prezioso; ma tutte le cose guardi siccome fug-