Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo xlix. 237

il tuo desiderio, del quale tu mostri di darti soverchia pena. imperciocchè quello non può esser puro e perfetto, che di proprio amore è viziato.

3. Non domandar quello, che è tuo diletto, e tuo comodo; ma quello che è mio piacere, ed onore: essendo che, se giudichi sanamente, tu dei pur preferire al tuo desiderio, e ad ogni cosa desiderata il mio ordinamento, e a questo acconciarti. Io so che cosa tu brami, ed ho più volte sentito il tuo pianto. intendo: tu vorresti essere nella libertà de’ figliuoli di Dio: l’eterna abitazione ti piace, e ’l gaudio perfetto della patria celeste. ma egli non è ancor venuta quell’ora; anzi altro tempo riman tuttavia, tempo cioè di guerra, tempo di fatica, e di prova. Tu desideri d’esser saziato del sommo bene; ma ora tu nol puoi conseguire. Io son desso: aspetta (dice il Signore), sinattanto che venga il regno di Dio.

4. Tu dei esser ancora provato in terra, ed esercitato in molte maniere. ti sarà data alcuna volta consolazione; ma intero contento mai nò. Confortati adunque, e prendi forze, come nell’operare, così nel sofferire