Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
230 ESCHILO


Ed ecco apparire, nel sommo ètere, l’aquila, e calare verso la vittima. Ercole afferra l’arco, e rivolge una pre- ghiera ad Apollo:

200
Diríga il dardo Apollo cacciatore!

E qui credo si trovassero anche i due versi1 riferiti da Galeno:

206
Vedi che stilla non ti spruzzi il labbro:
è sangue amaro: aura di morte esala.

Avrà parlato del sangue dell’aquila. Un verso, infine, diceva:

201
D’infesto padre figlio a me carissimo

Parole di Prometeo ad Ercole; e, quasi certo, dopo la liberazione, e, dunque, verso la fine del dramma.

* * *

Saltano agli occhi le analogie tra il Prometeo disciolto e il Prometeo legato. I Titani sono un replica delle Oceanine. Il racconto dei loro viaggi riecheggia le predizioni di Prometeo ad Io. I lamenti e il racconto delle sciagure

________

  1. Nauck li attribuisce al Προμηθεὺς πυρκαεύς, dramma satiresco. Impossibile risolvere con sicurezza il quesito: però l’accento dei versi mi sembra piuttosto tragico. Galeno, riferendoli, dice solo: ὁ αὐτὸς (Eschilo) φησὶν ἐν Προμηθεῖ.