Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242 ESCHILO

efesto
Pur, quest’arte l’avesse altri in retaggio!
potere
Gravoso è tutto, tranne aver dei Superi
l’impero; e niuno, tranne Giove, è libero.
efesto
Ne ho qui le prove. E nulla ho da ribattere.
potere
Spàcciati, dunque, avvolgilo di ceppi,
ché nell’indugio non ti scorga il padre.
efesto
Scorger gli anelli puoi nelle mie mani.
potere
Con vigore e con forza ai polsi strettolo,
picchia il martello, ed alla rupe inchiodalo.
efesto
Compiuta è l’opra, e non caduta in fallo.