Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE SUPPLICI 59


fissar secure a terra; e quando l’ancore
gittano, i navichieri non si fidano
alla prima cosí, specie se giungano
calando il sole, a spiaggia importuosa:
per un saggio nocchier, madre è la notte
di pensiero e di pene. Onde non facile
sarà lo sbarco a lor, pria che l’ormeggio
assecuri le navi. Or tu fa senno,
né trascurar, per lo sgomento, i Numi.
Io vado intanto, e cerco soccorsi. Argo
non darà biasmo a questo araldo, vecchio
d’anni, e di senno giovane e facondo.
Danao parte.


Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-24.png