Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 ESCHILO


ché ride il Nume, allorché vede un empio
senza piú millantar, senza piú forza,
tra le iatture senza uscita, al culmine
piú non regger del flutto.
E l’antica fortuna,
di giustizia allo scoglio,
non pianta e non veduta, urta, e si fiacca.

Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II-70.png