Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) VI.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANDROMACA 59


forse temevi? — Vieni qui, fanciullo,
del mio braccio al riparo, e meco sciogli
i lacci di tua madre. In Ftia, fierissimo
nemico a questi due, t’educherò.
Se della lancia il pregio, e della guerra
vi si toglie il cimento, in nulla, siatene
certi, o Spartani, prevalete agli altri.
coro
È la stirpe dei vecchi al freno indocile,
né trattener li puoi, quando s’infuriano.
menelao
Troppo alle ingiurie sei proclive. A Ftia
non venni a far sopruso, e indegnità
commettere non voglio, e non patirle.
Ora, perché tempo non ho d’avanzo,
tomo alla patria mia. C’è, presso a Sparta
una città, che innanzi amica m’era,
e adesso da nemica opera, lo stringerla
voglio d’assedio, e in mio potere averla.
E quando avrò secondo il mio volere
disposte ivi le cose, tornerò.
E a faccia a faccia, allora, con mio genero
dirò le mie ragioni apertamente
e udrò le sue. Se punirà costei,
se d’ora in poi riguardo avrà per noi,
riguardo avrò per lui: se giunge irato,
troverà l'ira nostra: avrà ricambio