Pagina:Trattato de' governi.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


la ragione, perchè egli solo l’ha, onde bisogna che tai cose sieno concordi. Che e’ si vede, ch’egli opera molte cose fuori del costume, e della natura, quando egli è persuaso dalla ragione, che quelle cose sieno migliori. Innanzi ne dichiarai io, come dovevono essere fatti per natura quei cittadini, che erano atti facilmente a ubbidire al legislatore. Il resto s’appartiene alla erudizione. E l’erudizione si fa parte con la consuetudine, e parte con laudizione.


Ma perchè tutta la civil compagnia è composta di chi comanda, e di chi ubbidisce, è però da esaminare, se diversi debbono essere quei che comandano, e quei che ubbidiscono, o li medesimi sempre. Chè gli è manifesto, secondo tal distinzione, conseguire la distinzione della disciplina. Ora adunche se gli uomini fussin tanto differenti l’uno dall’altro, quanto noi stimiamo che gli Dei, o li Semidei sieno differenti dagli uomini, per essere primieramente eccellenti più degli altri nella persona, e di poi nell’animo (di tal maniera che senza contrasto, e manifestamente apparisse ai sudditi la eccellenza di chi governa), è chiaro, ch’e’ sarebbe me’ dire, che li medesimi dovessino essere sempre, cioè questi sudditi, e quei padroni.

Ma perchè ciò non è agevole ad essere, nè si ritrova quello, che dice Scilace ritrovarsi appresso gli Indi