Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/261

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Così, se è vero, com’è verissimo, che la gran Vergine di Dio Genitrice sia insieme Madre di Divine Gratie, queste Ella impetra efficacemente à chi per di lei mezzo le implora.

[Essercitio di Doctrina Christiana in Trento, quale.] Anche l’Essercitio di Christiana Dottrina, uno de’ primi frutti del Sacro Concilio và fiorir’ in Trento ogn’or più sù l’essere non sol de’ tempi à dietro, che vi s’impiegavano i principali Signori con ogni buon’ordine, numero, e fervore: ma sù l’essempio ancora delle vicine Città d’Italia, massime Lombardia, dove tal’ Essercitio è floridissimo. Vi s’applicano soggetti di gran nascita, e virtù tanto Secolari, ch’ Ecclesiastici; & i Vescovi non hanno maggior premura, [Christiana Dottrina come fiorisce, e dove.] in ciò imitando il Metropolitano S. Carlo Borromeo, che tanto fece. S’instituiscono, oltre le Recite, e private Dispute anco le generali con proposta di Premij considerabili, e con sì fatto eccitamento d’emulatione trà la gioventù dell’uno, & altro Sesso, che à forza di rispondere à’ Quesiti tal povera Zitella guadagnarà la Dote, per maritarsi.

In fatti la Christiana Dottrina è il vero Seminario della Santa Fede; è l’unico real mezzo della salute; e quel picciol Libro contenendo, come fà, la scienza d’ogni scienza insegna temer Dio, & osservar’ i di lui Precetti, ch’è il tutto: Deum time, & mandata eius observa; hoc est enim omnis Homo, dice l’Ecclesiaste al Capo 12. Così poi ammaestrata la tenerella età: