Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/420

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
416 Trento.


A canto della prima Statua nell’estremità dell’Arco à destra sedeva pomposa sopra Elefante l’Asia terza Parte del Mondo, con dietro eretta una Piramide Tolomeida, nella cui sommità stava una Figura armata co’l motto: Austriadum merito. A sinistra vicino all’altra Statua corrispondeva la quarta Parte del Mondo, cioè l’Africa assisa con gran lustro sopra Camelo, dietro parimente stando eretta una Piramide Tolomeida con sopra in armi altra Figura tenendo il motto: Maiora debentur.

Sopra il Capo di Nettuno, e Teti pendeva in aria un gran Circolo figurato il Zodiaco, qual’ in se abbracciava due Mondi; & questi sostenevano un Serpe in giro con dentro tre Stelle, e fuori il motto: Sapientia Sidem cogit. Nell’alto del Zodiaco stava assiso sopra Aquila volante un Simolacro di Giove, che co’l Scettro additando il Zodiaco stesso, accennava: Divisum, alludendosi al Verso di Virgilio:

Divisum Imperium cum Iove Caesar habet.

Due Amorini, che scherzavano à torno il Capo di Giove, tenendo in mano un gran Cuore parlavano co’l motto: Clementia, ch’è à punto il Cuore dell’Augustissima Casa d’Austria. Così terminando con questa seconda Facciata tutto l’Arco di Trionfo, ò sia Portone; qual’essendo posto à lustrini di vetro, massime dalla parte d’Ostro, percosso dal Sole brillava à meraviglia.

L’Erettione d’un tal Arco fece per due mesi continui impiegar nello stesso tempo più di 50. Huomini trà Proti, Pittori, e Manuali, e costò al publico più milla Fiorini. Architetto e Inventore fù il Nobil Trentino Lodovioo Sardagna d’Oelstein Con-