Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/482

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
478 Trento.

crederei, questa esser favola del Volgo, com’è quella del Lago di Palù, dove si tien, che gettandosi un Sasso, si destino in aria temporali, e cadan fulmini; quasi havessero, che far con l’Acque, ò Cancri di tal Lago le Meteore ignite sotto la Luna.

[Miniere quali fossero à Santa Colomba.] Sù la sommità del Colle di Lago Santo domina un prospetto bellissimo di lontananza, e con i Paesi di Monte, si scoprono nello stesso tempo trè principali Valli, cioè Lagarina, Nonnia, e Fiemmana. Scendendo poi si trovano à torno l’antica Chiesa di Santa Colomba diverse Cave di Miniera d’Argento, che vi fù in voga: ma hora intermessa non mostra, che i vestigi, e ne parla, oltre il sito, la Campana stessa di Santa Colomba con voce argentina, come sentij. Vivendo anche l'ora che d’alcune Case, dove da’ Canopi si purgavano i Minerali, prima di condursi à i Forni di Pergine; così intesi da D. Pietro Tononi, che fù meco al Lago, & è oriondo del Luogo à Sant’Agnese Chiesa altre Volte Pieve, hora Figliale di Civizzano, com’è anco quella di Santa Colomba.

[Siti varij di Vino.] Sono poi anche godibili in Està i Vini di Serignano, Luogo delicioso, e d’aria fresca. E sono passabili in Costiera i Vini di Lasise, dove stà un picciol Lago di buoni Pesci, & si gode aria felice. I Vini di Fornace, e verso Pinè, come anco quei di Vicolo, e Vattaro per essere troppo mötani in altezza di sito, sono di bassa Lega; ne riescon buoni, che co’l’Alleanza de’ migliori. In Vattaro Villaggio di buon sito stanno Edificij di Seta notabili.