Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento 93

di coscienza, e co’l Braccio anche de’ Potentati Prencipi lor Fautori, fecero gli ultimi sforzi, e machinamenti; [Conclusione dell’Impresa.] non ostando, dico, tali, e tante contrarietà, restò il Sacro Ecumenico Concilio felicemente conchiuso, e terminato li 4. Decembre 1563. à gloria immortale della Fede Catolica, e scorno perpetuo dell’Heresia.

[Cosa notabile del publicarsi il Concilio.] In tutte tre le volte, che si publicò à Trento il Sacro Concilio, si fece quel dì solenne festa per ordine della Città: Et se bene delle prime due volte non mi consta; della terza è costante, che s’aprì per Indulto Pontificio insieme con il Concilio il Giubileo, come accennai, e ciò per il buon successo della Santa Sinodo, & ogni maggior bisogno della Christianità.

[Trentini e loro feste per il Sacro Concilio.] Li Trentini poi, che non capivano in se stessi per la sorte beata di tal Concilio, da cui ridondava con l’utile, gloria singolare alla lor Patria, portandone la gioia in fronte, non mancorono di far tutte le maggiori dimostrationi d’hilarità con erger’ Archi trionfali all’arrivo massime de’ Cardinali Legati, e de gli Ambasciatori Cesarei, per contrasegnar vie più la lor divotione verso la Santa Sede, & il Sacro Romano Imperio. Nel resto facendo à gara li Cittadini tutti per l’accoglimento de’ Padri con ceder loro prontamente le proprie Case, & habitationi, e prestar