Pagina:Una questione di grammatica razionale.pdf/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

6

da ego: leo segue che ego ha la proprietà di essere un sostantivo, al pari di leo, supposto che la proprietà di es- sere sostantivo sia reale.

Anche gli avverbi qua e là, hanno un valore dipen- dente dalla persona che parla; pure non si mettono in una classe a parte, ma si mettono nella stessa classe degli avverbi: bene. liberaliter etc., che hanno un valore co- stante; e se ne l’a una classe sola perché tutti indeclinabili.

Chi scrive in una lingua europea, può fare a meno di risolvere il problema se i pronomi siano o no sostantivi. Le varie lingue si sono sviluppate per secoli prima che ad esse si applicasse la nomenclatura grammaticale. Ma chi scrive in Esperanto, sotto una delle sue varie forme, deve Cominciare a risolvere questo problema per sapere se ai pronomi debba dare o no la caratteristica -0. E mentre la maggioranza non considera i pronomi quali sostantivi, una minoranza, con a capo il LEMAIRE, celebre esplora- tore africano, li considera logicamente come sostantivi e dà loro la desinenze -0. ‘

Passi) ora alla relazione fra sostantivo ed aggettivo. Il Lmouasn da le definizioni seguenti.

Nom substantit’: mot qui (insigne une personne on une chose.

Nom adjectii: mot qui seri à qualiiler une personne ou une chose.

Considero i due giudizi:

« Pietro e buono. Pietro e poeta n.

Essi hanno la stessa costruzione; buono e poeta ser- vono egualmente a designare e qualificare la persona Pietm. Sono amendue nomi di classi di enti. Ma buono e agget- tivo, poeta è sostantivo; dunque:

aggettivo zflsumtivo: iv cima: fa." i

La differenza fondamentale tra aggettivo e sostantivo, è che in generale l‘aggettivci e accompagnato da un sostan- tivo, con cui concorda in genere, numero e caso. Quindi la necessità di un capitolo della grammatica che spieghi que- ste llessioni degli aggettivi e quelle dei comparativi etc.

Ma questa difl‘erenza evidentemenle appartiene alla mor- fologia; l‘ aggettivo può benissimo restar solo come in:

a veruin dico i), a audaces fortuna juvat n n miscuit utile dulci i). Cosi in italiano: a dico il vero = dicn Cosa vera -: dico la verità», onde risulta:

il vero = cosa vera = la verità.

La concordanza latina vive ancora in Italiano, limitata al genere e numero; il caso è morto; ed e del tutto scom-