Pagina:Una sfida al Polo.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 capitolo x.


Il meccanico che era già balzato a terra, non aveva risposto. Curvo innanzi, colle mani tese dinanzi agli occhi, pareva che osservasse attentamente qualche cosa navigante al largo.

— Mi avete capito, Dik? — chiese il canadese.

Ancora nessuna risposta.

— Fulmini di Giove!... Che sia diventato improvvisamente sordo!... — esclamò lo studente. — Ohè, chaffeur, si può salire quella costa colla nostra macchina? —

Questa volta il baleniere si scosse e dalle sue labbra contratte uscì un grido:

— Scandaglia la boete!... —

Lo studente l’aveva guardato, domandandosi se per caso il meccanico fosse improvvisamente impazzito.

Il canadese invece aveva fatto un salto innanzi, esclamando:

— Il grido della vedetta dei balenieri!... Dov’è, Dik!...

— Guardatela.... laggiù.... fra quei due ice-bergs!... Ah!... Se avessi una scialuppa ed il mio rampone!...

— Signor Gastone, — disse lo studente. — Volete dirmi se sta per sprofondarsi la baia d’Hudson?

— Non sprofonda affatto, anzi spinge a galla uno dei suoi più giganteschi abitatori.

— Eccola la briccona!... Che colossale balena!... Deve essere una franca, è vero, Dik?

— Sì, signore, — rispose l’ex-pescatore di cetacei, agitando in alto il braccio destro e stringendo le dita come se cercasse di afferrare qualche rampone.

— Fulmini di Giove!... — esclamò lo studente. — Ero dunque io cieco poco fa per non vedere un simile mostro? —

A soli cinquecento metri dalla riva, fra due gigantesche montagne di ghiaccio, era bruscamente comparsa a galla una enor-