Pagina:Una sfida al Polo.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i cacciatori della baia di hudson 207


— Allora lasciamo da parte il forte Severn e muoviamo direttamente su quello di Churchill. Così risparmieremo tempo.

— E ne guadagneremo su Torpon, — disse Walter. — Non so che cosa pagherei per sapere dove si trova quel bisonte.

— Speriamo che si trovi ancora sulle coste del Labrador, — rispose il canadese.

— Che riesca anche lui ad andare al Polo? —

Il signor di Montcalm guardò lo studente sorridendo:

— Voi dunque, — gli chiese, — siete ben sicuro di giungervi?

— Per tutti i fulmini di Giove!... Mi pare già di vedermi seduto sull’incrocio di tutti i meridiani dell’orbe terraqueo, signor Gastone.

Chi potrebbe dubitare che uomini come noi non vi giungano? Andremo a fumare la nostra pipa lassù ed a vuotare una buona bottiglia di champagne in onore del vecchio Polo.

— Questa vostra fiducia mi piace, Walter, — disse il canadese. — Sì, noi arriveremo al Polo.

— E prima di quel bisonte, anche.

— Certo, Walter.

— Allora posso gridare: hurràh pel Polo.

— Sì, mattacchione, e se.... —

Un brusco salto dell’automobile gli spezzò la frase.

— Che cosa succede, Dik? — chiese, riprendendo subito l’equilibrio.

— La via diventa pessima, signore, — rispose l’ex-baleniere. — Questa neve copre delle insidie che non sempre si possono evitare.

— Vi sono sotto dei crepacci che non si sa quanto siano larghi.

— Volete rallentare?