Pagina:Una sfida al Polo.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

una battaglia coi trichechi 217

dell’Arizona, fu trovata la mummia d’un bambino che fu giudicata appartenente all’epoca terziaria, e che aveva notevolissime somiglianze col pithecanthropus erectus, ossia della scimmia che più si avvicina all’uomo.

D’altronde ormai è provato che l’uomo, sia esquimese od indiano, visse qui avanti la fine del periodo glaciale, ossia in un’epoca in cui l’uomo forse non aveva ancora popolato il continente antico.

— Il continente americano doveva essere ben diverso da quello che è oggi, in quei lontanissimi tempi.

— Non aveva la forma che ha presentemente. La sua ampiezza era molto minore e si estendeva sopra i due oceani come una immensa isola allungata verso il Polo.

Molto diverse di quelle attuali erano allora la sua flora e la sua fauna, della cui ultima facevano parte delle specie gigantesche oggidì completamente e da gran tempo scomparse.

Come e quando quegli abitanti e quegli animali comparvero su queste terre, non è facile dirlo. È un problema che ha affaticato tante menti, senza che una così interessante questione sia stata definitivamente risolta.

Chissà che il Polo non riservi a noi delle straordinarie sorprese. Ohè, Dik, che cosa fate? —

Un rombo assordante sfuggiva in quel momento sotto le ruote dell’automobile. Si sarebbe detto che passasse sopra un ponte metallico d’una eccessiva sonorità.

— Da che cosa proviene questo fracasso dunque, Dik? — chiese nuovamente il canadese, alzandosi bruscamente.

— Pare che ci sia del vuoto sotto lo strato di ghiaccio, rispose finalmente l’ex-baleniere, rallentando subito.

— Passiamo forse sopra un fiume?

— Che ne so io, signore? —