Pagina:Varon milanes.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

35
Onsciscià Imbrattar ongendo.
Ontera Volentieri.
Ora, el trà ora Vento non molto veemente. Soffia vento, ma non veemente.
Oreggion, dà di oregggion Battere sopra le orecchie, ovvero stirarle.
Ornigà Cercar, or quà, or là.
Osorà Pieno in modo, che nè ve ne manca, nè ve n’è di superfluo.
P
Pacia Crapula.
Pacià Crapulare.
Paciug Imbrattamento, intrico, ed uno che non sà condur una cosa a fine.
Paciugà Imbrattare, intricare.
Padignà Fuggire.
Pan papalin Pan fatto di fior di farina.
Panaton de Danedaa Pan grosso, qual si suole fare il giorno di Natale, per Metafora un’inetto, infingardo, da poco.
Panera Parola, che risponde a scutigugn. V. Scutigugn.
Panzanega Favola, ciancia.
Parig dì è Molti giorni sono.
Pantofij Pianelle, coperta de’ piedi.
Pasentà Acquetare.
Pasquee    )
Pasquireu )
Piazza avanti qualche casa, o Chiesa.

C 2 Pas-