Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 95 —

testa dura e ostinata dei Navarra; ma sua sorella si sbiancò in viso.

— Che intendete dire, zia? — balbettò essa.

— Parlo per quel povero galantuomo di vostro padre, chè dispiaceri non gliene mancano....

Si rivolse così dicendo a quell’altra che contava i mattoni del pavimento, col gomito appoggiato alla scrivania e il viso sulla mano, dura anch’essa come un mattone:

— Sai cos’è venuto a fare quel ladro di Rametta? Vuol prendergli la zolfara!... per un pezzo di pane! Gli ha dato corda lunga per mangiarselo vivo!...

— Ah, Signore! — esclamò Nina.

— Quello neanche al diavolo crede. Se ha prestato del danaro a tuo padre fu per mettergli il laccio al collo. Ora l’ha citato e vuol porre anche