Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 108 —


A un tratto scattò di nuovo in piedi, colle mani giunte, quasi colle lagrime agli occhi, lagnandosi col barone:

— Avete visto se vi ho usato dei riguardi! se ho pazientato finchè ho potuto! Sapete il rispetto che ho per voi e per la famiglia!...

E tacque guardando in faccia or questo e or quello, quasi a vedere cosa potessero rispondergli. Poi alzò di nuovo le braccia al cielo, lagnandosi:

— Ma, santo Dio, ciò ch’è giusto e giusto! V’ho dato il sangue mio!

— Povero galantuomo! Cosa volete che dica di più? — osservò il notaio.

— Ah, eccovi! — esclamò invece donna Bianca che entrava in quel punto, salutando Rametta con un’occhiataccia.

— Anche qui avete da fare con