Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 122 —

pel collo! — gli rinfacciò donna Bianca.

— Fate quel che volete, — proruppe infine il barone risolutamente. — Io non firmo! Dovevano tagliarmi le mani quando firmai la prima cambiale. Mi son rovinato; mi son levato il pan di bocca; ho durato morte e passione tutta la vita.... Ma spogliare del tutto le mie figliuole ora....

E tacque, asciugandosi gli occhi. Nina che si struggeva in silenzio, lo supplicò colla voce piena di lagrime:

— No, papà! Non dite così!

— Non firmo, dovessero ammazzarmi!

Allora don Rocco afferrò lui pel petto, come aveva fatto prima a quella altro, e lo cacciò contro il muro, per dirgli a quattr’occhi il fatto suo.

— Ma come farete senza denari? E la lite?... E gli avvocati?... E la