Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 128 —

— disse allora Nina a Luciano, accesa in volto.

— Vediamolo questo conto — ripetè don Rocco.

Infine anche il notaio, seccato, domandò al capomastro:

— Insomma l’avete o non l’avete questo conto?

Luciano, messo fra l’incudine e il martello, cercava il conto di qua e di là, frugandosi nelle tasche.

— Certo.... Dovrei avercelo.... Non so dove l’abbia messo....

Infine donna Bianca perse la pazienza:

— Cercate bene. Il conto dovete averlo. Siete pagato per questo.

Luciano lasciò di cercare, scattando:

— Ogni momento me la buttano in faccia quella misera paga!

Subito Rametta colse la palla al balzo: