Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 149 —

bara vedendola così turbata. — Chetatevi, che vostro padre non viene più a quest’ora.

Le parole stesse cascavano di bocca nel gran silenzio. Si udiva solo il canto dei grilli, all’infinito. Poi un chiù, lì vicino, fra gli olmi del torrente, cominciò a singhiozzare.

Nina chiese sottovoce, quasi avesse paura:

— Che ora sarà adesso?

— Ecco, la stella dell’avemaria! Ora accendo il lume, se volete — rispose Sidoro.

— No, ci si vede ancora.

Per fare qualcosa, in quell’attesa, si mise a sedere accanto a donna Barbara, aiutandola a sbucciare le fave della minestra. La vecchia, indovinando forse quel che mulinava dentro la povera signorina, disse dopo un po’:

— Il padrone avrà tardato perchè