Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 153 —

pada dell’immagine bizantina ch’era sul muro della chiesuola.

— Se proprio non veniva l’avrebbe mandato a dire! — balbettò Nina, sempre con quella spina in cuore.

— Chi mandava a dire? — rispose Sidoro. — Don Nunzio non gli tiene staffieri al suo comando.

— Ah, quello! — aggiunse donna Barbara sullo stesso tono.

Altro che staffieri e paggi! Chissà dove s’arrabattava a quell’ora, povero vecchio, in quali angustie e fra quali pericoli? Dell’antica signoria non rimanevano che lo scudo di sasso, lì sul portone, e i merli scalcinati sul muro di cinta, come tanti corvi appollaiati contro quel sinistro chiarore d’incendio. In alto il cielo nero formicolava di stelle.

— Che aspettare, stasera! — sospirò Nina con voce sorda.