Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 14 —


— Via, don Mondo! Non vi guastate la festa..

— Me la guastano! Me la guastano, cugina mia! — andava brontolando il barone, asciugandosi le labbra col fazzoletto, e cercando intorno cosa ci fosse ancora da fare.

— Vediamo la sposa. Nina? Nina? Dov’è, quanto l’abbraccio....

— Or ora viene, zia.

— Sarà ancora allo specchio. È giusto. La festa è per lei. Verrà anche la tua festa, non temere. Perchè? Cosa vuol dire? Su quella testa, sciocca! Ti mariterai anche tu, non temere.

— Ma sì! ma sì! Chi vi dice.... — borbottò Lisa aggrottando le ciglia e chinando la testa — vera testa di Navarra.

La zia allora le disse il fatto suo:

— Tu devi dire quello che dice