Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 Don Candeloro e C.i

zafferano, colla voce che dalla collera le tremava nel naso e fra i canini malfermi. Tutte quante che se la prendevano con Donna Bellonia, ritte in piedi, vociando e gesticolando.

— Sissignora! — ostinavasi a dire la figlia di Pecu-Pecu colla faccia tosta di monella. — Come non si sapesse!... Suor Maria Concetta che gli imbocca i biscottini colle sue mani, a padre Cicero!... E le male parole che suor Gabriella ha detto a suor Celestina perchè le ruba padre Amore!...

— È uno scandalo! una porcheria! — strillavano tutte insieme.

Suor Gloriosa, cogli occhi fuori dell’orbita, andava borbottando:

— Gesù e Maria! — San Michele Arcangelo! — Libera nos, Domine!...

— Sissignora! le porcherie le fanno loro pel confessore. Io non ho potuto averlo, il confessore forestiero, perchè non son figlia di barone!...

La superiora, ritta sulla predella abbaziale, riescì infine a far udire la sua voce in falsetto:

— Lo scandalo lo fo cessare io! Da ora innanzi il solo confessore di tutta la comunità sarà don Matteo Curcio, come prima!... Precetto d’obbedienza! La ma-