Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fra le scene della vita 223

dei figli! Erano finte anche quelle? Erano complici pietosi ancor essi della turpe commedia? Piangevano sulla colpa del padre, o sulla loro rovina? Avevano letto prima in quel volto venerato ed amato le angustie segrete, le ansie, le lotte che il negoziante onorato e stimato fino a quel giorno aveva dovuto dissimulare fra loro, a tavola, in teatro, nell’intimità della famiglia e al cospetto del pubblico che bisognava illudere colle apparenze di una costante prosperità? Era la disperata necessità della menzogna istessa che li contaminava tutti adesso per la comune salvezza? Sino a qual punto erano finte le lagrime del colpevole, lì, sotto gli occhi della moglie e dei figli, la sua tenerezza, il suo orgoglio, le sue vittime, i suoi giudici primi e più inesorabili nel segreto della coscienza? Chi avrebbe potuto dirlo? — Voi uomo di banca, che giuocate alla Borsa col sigaro in bocca delle partite di vita o di morte, e di rovina per altri mille che hanno fede soltanto nella vostra bella indifferenza. — O voi uomo di toga, che avete fatto piangere i giudici per salvare l’omicida? — Tutt’a un tratto la folla, i soldati, gli stessi pompieri indietreggiarono atterriti, dinanzi all’orror dell’incendio, fra un urlo immenso. Egli solo, il disgraziato, si strappò dalle brac-