Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 Don Candeloro e C.i

Nella baraonda si udì il correre dei questurini, che le orecchie esercitate riconobbero subito al rumore degli stivali.

— Musica! musica! Non è niente! niente!

Ma non ce ne fu bisogno. Guerino tornò in scena, piegandosi in due ad inchinare gli spettatori, e dall’altra parte comparve immediatamente la Fata Alcida, “di tanta bellezza adorna che la sua faccia splendeva come un sole„ come spiegava a voce don Candeloro, il quale accese in quel punto un po’ di magnesio, che fece un bel vedere sull’armatura di latta del Meschino, e il manto della fata tutto a draghi e bisce d’orpello.

— Bravi! bis! — gridarono i compari, che non ne mancavano.

Si sarebbe udita volare una mosca. Da un canto il Guerino, che faceva orecchio di mercante alle seduzioni della Fata, e lei che ostinavasi a riscaldare in lui “le ardenti fiamme d’amore„ diceva colla sua stessa bocca, e con certi atti di mano anche, tanto che il Meschino dimenavasi tutto con un suon di ferraccia, e lasciava intender chiaramente “che se Dio per la sua grazia non gli avesse fatto tenere a mente gli avvertimenti dei tre santi Romiti di certo