Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 Don Candeloro e C.i

vano staccarsi confusamente dalla folla, e avanzarsi verso l’attrice. Più vicino, dinanzi a lei, dei professori d’orchestra si erano levati in piedi, plaudenti, e sino in fondo alla vasta sala, lungo la fila dei palchi gremiti di spettatori, nel brulichìo immenso della folla variopinta, si sentiva correre, quasi un fremito d’entusiasmo, l’eccitamento delle note d’Aida ancora vibranti nell’aria e dei seni ignudi che si gonfiavano mollemente, tutta la vaga sensualità diffusa per la sala, che rivolgevasi verso l’attrice e l’avviluppava come una carezza del pubblico intero – colle mani che si stendevano verso di lei per applaudirla – colle grida che inneggiavano al suo nome – col luccichìo dei cannocchiali che cercavano il suo sorriso ancora inebbriato, il sogno d’amore ch’era ancora nei suoi occhi, l’insenatura delicata del suo petto e la curva elegante della maglia che balenava tratto tratto fra le pieghe della tunica d’Aida, trasparente e semiaperta, quasi cedendo già all’invito delle braccia tese verso di lei, mentre essa inchinavasi dolcemente, col sorriso tuttora avido, volgendo sguardi lunghi e molli che cercavano l’amore della folla.

– Proprio così! – stava dicendo il giornalista che aveva fretta di andarsene a cena. – Stasera